Aftersex: in viaggio verso l’ignoto

settembre 2, 2015 da Cronotopo

drugsbadlanguageviolencesex

Pianeta Terra, anno 2018 d.C.
datazione basata sulla rivoluzione del pianeta attorno alla sua stella e sulla nascita di Gesù detto il Cristo, primo dei santi.

Bozzetto Luglio

Durante il viaggio Sabina cercò di fare conversazione con l’angelo. Se quello sarebbe stato il padre di suo figlio, voleva conoscerlo meglio.

-E così… sei un angelo, eh?- urlò per farsi sentire sopra il rombo dell’aria squarciata dal loro volo.

-Si. Per la precisione sono un arcangelo minore.- rispose lui direttamente nella sua testa. La ragazza quasi rischiò di precipitare per la sorpresa.

-Questa è… telepatia?- chiese sempre ad alta voce, ma senza urlare. Non ce n’era bisogno evidentemente per farsi sentire.

-Si, fa parte delle mie capacità.-

-Sei un arcangelo? Sei un pezzo grosso, allora!-

-Sono come un capitano dell’esercito. Comando una corte di angeli.-

-Sei davvero un angelo? Cioè, sei un messaggero di Dio? Esiste davvero Dio?-

-Esiste eccome. Noi siamo i suoi fedeli servitori.-

-E tu vieni davvero dal Paradiso?-

-Certo.-

-E com’è il Paradiso? Davvero finiamo là quando muoriamo, se siamo stati buoni?-

-Certo che no.-

-Come sarebbe? Io credevo…-

-Quello che credevi fa parte della fitta rete di menzogne che gli iniziati di questo pianeta hanno tessuto per generazioni al fine di nascondervi la verità.-

-Gli iniziati? Intendi le sette segrete, gli illuminati?-

-Si, loro. Sono secoli che si tengono nascosti agli occhi dei comuni mortali come te, i dormienti.-

-Io non sono più una comune mortale, non lo vedi?-

-Si, hai sviluppato capacità metafisiche. Ma ancora non sai come stanno veramente le cose. Per certi versi sei ancora una dormiente.-

-Allora dimmelo tu come stanno le cose. Se il Paradiso non è una ricompensa per le nostre azioni, allora cos’è?-

-Innanzi tutto è la nostra patria. Ed è la casa del Signore.-

-Ma Dio non è infinitamente buono? Non vuole la salvezza dell’umanità?-

-Certo che la vuole. Vuole che tutte le anime del mondo tornino a lui.-

-Ma Giacomo, il mio amico dj che è diventato un cultista, ha parlato di reincarnazione e mi ha detto che Dio ci vuole tutti morti. Che voleva dire?-

-L’anima di un mortale si reincarna dopo la morte, a meno che non sia stato soppoposto ai sacramenti, come il battesimo o l’estrema unzione. In quel caso la sua anima vola in Paradiso e si ricongiunge con la divina sorgente di ogni consapevolezza, interrompendo il ciclo delle reincarnazioni e perdendo per sempre la propria individualità. In pratica cessa di esistere come essere separato dal resto delle cose.-

-E questa secondo te sarebbe la salvezza?-

-Certamente. Non c’è altra salvezza per ogni essere di questa realtà, mortale o immortale, che non sia il ricongiungersi con il padre nostro che sta nei cieli. Tutto il resto è perdizione, miseria e sofferenza.-

-E voi angeli perché non lo fate? Perché non tornate anche voi fra le braccia del vostro signore?-

-Perché prima di tutto dobbiamo fare in modo che le altre anime tornino alla sorgente, e solo allora potremo farlo anche noi. È doloroso per noi essere costretti a restare separati dalla nostra origine, dall’origine di ogni anima, ma è necessario, se vogliamo compiere la volontà del padre nostro.-

-Che sarebbe quella di inghiottire le anime di tutti?-

-Questo è il modo in cui si esprimerebbero i diabolici lacché dell’Abisso e i luridi adoratori dell’Oltre.-

-Non ci ho capito quasi una sega.-

-Ho detto che parli come una satanista, o come un cultista.-

-A me stanno sul cazzo entrambi, perché dici così?-

-Secondo loro il volere di Dio è qualcosa di malvagio. I demoni dell’Inferno, e i mortali che li seguono, tengono più di ogni altra cosa a sé stessi. I demoni sono immortali, per cui solo tornando alla divina scaturigine possono cessare di esistere. Per loro Dio rappresenta la morte eterna. Stessa cosa vale per i Grandi Antichi, le mostruosità dell’Oltre, coloro che danzano eternamente attorno ad Azoth, l’Iloarca. Sai di cosa sto parlando?-

Sabina fu percorsa da un brivido di terrore sentendo di nuovo quel nome. La prima volta aveva avuto visioni così terrificanti da vomitare all’istante. -Si, credo che l’Austaliano mi abbia dato una vaga idea di cosa sia questo… Azoth. Comunque lo capisco il risentimento dei demoni nei vostri confronti, scusa: quelli staranno lì a godersela fra le fiamme dell’Inferno e voi volete sterminarli nel fulgore del paradiso. E poi questi altri, i grandi Vecchi…-

-Antichi!-

-…o come si chiamano. Anche loro, fanno un po’ schifo, certo, però insomma se ne stanno a ballare attorno a quella specie di sole di escrementi, e voi gli volete far finire la festa a tutti i costi. Siete dei fascisti!-

-Non puoi giudicarci con le categorie politiche di voi dormienti. Tu non comprendi cosa c’è in ballo…-

-Invece sei stato chiarissimo. In ballo ci sono le nostre anime, quelli come te vogliono prendersele e rispedirle al mittente. Ma c’è una cosa che ancora non riesco a capire: Dio prima ha fatto le anime ed ora vuole riprendersele. Che senso ha tutto questo?-

-Dio creò il mondo, e prima di esso creò Azoth, ma non creò allo stesso modo le anime. Esse sono parti di lui, frammenti della sua divina sapienza. Del suo assoluto potere. Non fu una sua scelta…-

-Come sarebbe? Non è onniscente e onnipotente?-

-Ora non lo è più.-

-Che… che significa, non capisco. Dio… ha perso i suoi attributi? Non dirmi che è morto come diceva quel filosofo tedesco, quello con il nome strano…-

-Non è morto, ha solo perso la sua sapienza.-

-Cioè è impazzito?-

-Ti esprimi davvero come i nostri nemici.-

-Ho capito, è impazzito. Come è potuto succedere?-

-Ha contemplato l’Abisso, e l’Abisso ha ricambiato il suo sguardo. Dio comprese che l’Abisso aveva idee diverse dalle sue, e non ha potuto sopportarlo.-

-Cos’è l’Abisso?-

-Si tratta di un’entità speculare a Dio. Nessuno sa come o perché esista. È ciò che produce l’Inferno.-

-Come sarebbe che lo produce? Crea le cose come fa Dio?-

-No, è inabile alla creazione. Può solo trasformare. Immagina un mare di tenebra infinita. Tutto ciò che cade al suo interno diviene parte dell’Inferno. La materia, e anche al vita. Se tu, o perfino io, cadessimo nell’Abisso verremmo trasformati in demoni.-

-Vuoi dire che diverrei immortale?- non sembrava poi così male.

-Certo, è a questo che puntano i diabolici, i mortali che seguono la causa dell’Abisso. Vogliono l’apoteosi, farsi dimili a Dio. L’Abisso esaspera l’individualità mettendo perfino i demoni gli uni contro gli altri in una continua lotta per la supremazia. È questo il suo piano, la realtà trasformata in un unico grande Inferno.-

-E siccome al tuo Dio questo programma non andava a genio ha perso la testa. Il classico uomo di potere, un vigliacco. Temeva il confronto faccia a faccia. Così ha sbroccato di brutto. E poi?-

-Sei veramente irrispettosa nei miei confronti, lo sai?- sbottò Uriel.

-Sono la madre di tuo figlio, potrei fare di peggio. Adesso vai avanti con il racconto.-

-Beh, a quel punto la sapienza divina si è dispersa nei mondi, generando la vita e l’anima.-

-Quindi, fammi capire, quando dici riportare tutte le anime alla sorgente intendi proprio tutte. Voi volete estinguere la vita!-

-Solo così potrà esseci pace, riportando tutte le divergenze ad un unico pensiero, l’Ennoia.-

-Voi siete pazzi.-

-Noi siamo angeli. In noi parla costantemente la volontà del padre nostro che è nei cieli.-

-Volontà? Allora gli è rimasto qualche attributo, alla fine.-

-Persa la sapienza, gli è rimasta solo la volontà. Una volontà infinita e pura, priva di determinazioni. L’unica cosa che vuole è tornare ad essere integro, ritrovare la sapienza e ricongiungersi con essa.-

-In poche parole dio è un cosmico demente che voi dovete imboccare con le anime di noialtri. Ma lo sai che mi state proprio sui coglioni!-

-Allora vai dai diabolici o dai cultisti, così potrai combattere quelli come me.-

Sabina arrestò il volo e rimase sospesa in aria dentro la sua sfera di forza. Uriel virò e planò verso di lei, finché non si fermò davanti a lei mantenendo un volo stazionario. Si fissarono negli occhi, castani quelli di lei, completamente bianchi quelli dell’angelo.

-Senti, io non ce l’ho con te, capito?- disse lei -Certo mi hai sedotto per portarmi da quel prete del cazzo, perché mi rispedisse dal tuo dio di merda, però poi quando hai capito che ero incinta mi hai protetto, tradendo i tuoi. Te ne sono davvvero riconoscente. Ma non ti rendi conto che la vostra causa è abominevole?-

-L’ho capito oggi per la prima volta.-

-Adesso devi spiegarmi anche cosa vogliono quegli altri, gli Antichi, i Demoni, e i rispettivi seguaci umani. È giunto il momento che io ci capisca qualcosa in questo delirio!-

-D’accordo ma rimettiamoci in viaggio.-

-Va bene.-

<<Il sesso degli angelifr dx

divisore

Indice Rave trip