GLOSSARIO:

Mondi: gli universi materiali, molti dei quali contengono la Terra, la Via Lattea, le galassie del Superammasso della Vergine e così via. Universi con le stesse leggi fisiche si dicono paralleli, quelli con leggi fisiche diverse fra loro si dicono divergenti. Chi nasce nei mondi è per definizione un essere mondano.

Oltremondo: tutto ciò che sta fuori dai mondi, Paradiso, Inferno, Oltre, anelli dell’Effimero e Falde dell’Immaginario, dove si depositano tutti i sogni, i progetti incompiuti, le paure, e in generale tutto il “virtuale” (compreso internet). Chi nasce nell’Oltremondo è per definizione uno spirito.

Iniziati/sette iniziatiche: esseri mondani che conoscono il vero volto di Satrasia e che sono in possesso di poteri metafisici. Una setta al soldo delle Forze Superiori che tutto governano (vedi Appendice sotto) è solitamente detta una stregoneria, una setta indipendente ostile alle Forze Superiori invece è una cavalleria spirituale.

Luogo comune: luogo, momento storico o soggetto presente in più mondi e che determina il parallelismo fra di essi (esempio: Gesù Cristo, presente nella storia di ogni pianeta Terra e che serve al riconoscimento di differenti pianeti in differenti universi come Terre parallele).

Singolarità assoluta: entità unica in Satrasia, come gli spiriti dell’Oltremondo e i luoghi, momenti storici o soggetti che distinguono un mondo dall’altro. I mondi sono in genere nominati tramite una singolarità assoluta (esempio: il mondo di Aldebaran).

Idolo: divinità in generale appartenenti ad un panteon, ed oggetto di idolatria da parte dei mortali: prendono energia dai riti a loro dedicati e ricambiano con favori ai fedeli, secondo la regola del do ut des (su Domus è presente una formula analoga espressa nella lingua dei mani, parlata nei territori della Repubblica dell’Aquila: tudai, iodai).

Mortali/sempregiovani: esseri soggetti alla morte per annientamento fisico e soggetti al ciclo delle reincarnazioni. I sempregiovani tuttavia non invecchiano (esempio: gli elfi), i mortali in generale invece si (esempio: gli umani).

Samsara: il ciclo delle reincarnazioni al quale sono soggetti tutti i mortali e i sempregiovani. I veri immortali, invece, come alcuni spiriti dell’Oltremondo o come certi mortali che hanno raggiunto l’illuminazione, dopo l’annientamento fisico ritornano, prima o poi. Essi vengono ache chiamati Entità Superiori, poiché sono superiori alla morte.

Senziente finito: qualunque essere dotato di coscienza e di volontà individuale, che porta in sé un frammento della divina coscienza. Mondani e spiriti dell’oltremondo, mortali e immortali sono tutti senzienti finiti.

APPENDICE:

Forze superiori che tutto governano: rappresentano i massimi vertici della mistica realtà e le principali fazioni che si contendono il destino ultimo di Satrasia. Esse sono esattamente tre: gli Angeli del Signore, le Mostruosità dell’Oltre e i Demoni dell’Inferno.

Regno dei Cieli, dove abitano gli Angeli del Signore, detto anche Paradiso.

Luogo ontologico: il punto più alto della mistica realtà
Assiale metafisico: il Signore dei Cieli, la Divina Sorgente, il Pensiero Unico, la Grande Volontà di Satrasia
Valori supremi: unità, unicità, silenzio

Corte di Azoth e Regni dell’Ignoto, dove abitano le Mostruosità dell’Oltre, detto anche Ignoto.

Luogo ontologico: al centro ma anche al limite della mistica realtà
Assiale metafisico: Azoth, l’Iloarca, il sultano del Caos, il Grande Ventre di Satrasia
Valori supremi: piacere, rinascita

Impero dei Nove Inferi, dove abitano i Demoni dell’Inferno, detto anche Inferno.

Luogo ontologico: il punto più basso della mistica realtà
Assiale metafisico: il Nero Abisso che tutto inghiotte, il Pozzo della Realtà, la Grande Devianza di Satrasia
Valori supremi: diversità, molteplicità, affermazione dell’individualità

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>